Gran Bretagna Scozia

Passeggiata a ST ABB’S HEAD

ST ABB’S HEAD. Una riserva naturale magnifica, formata dalle eruzioni di un antico vulcano estinto; e un minuscolo, adorabile villaggio, la cui bellezza disadorna ti arriva dritta al cuore, come solo quella autentica dei luoghi semplici riesce a fare.

Nient’altro che un piccolo simbolo a raggiera segnato in blu, sulla mia fedelissima cartina della ORDNANCE SURVEY (la migliore!), a indicare un punto panoramico davvero eccezionale, lungo quel tranquillo tratto di costa a sud di EDIMBURGO che prende il nome di BERWICKSHIRE COAST.

Chi ha mai sentito parlare di ST ABB’S HEAD? O magari sognato, anche solo per un attimo, di andarci?
Una località poco conosciuta e pochissimo visitata, eppure decisamente affascinante, e tanto, tanto appetibile ai miei occhi mai sazi di paesaggi scozzesi…
Occhi ormai risoluti a passare in rassegna – viaggio dopo viaggio – ogni singola zolla di quella terra!

Il punto panoramico è qui evidenziato in blu

La RISERVA NATURALE  è evidenziata con il simbolo in blu

 

Le scogliere della Riserva Naturale di ST ABB'S HEAD

Le scogliere della Riserva Naturale di ST ABB’S HEAD

 

Partiamo dunque alla volta di ST ABB’S, pieni d’entusiasmo e di curiosità, lasciandoci alle spalle tutti i comforts della CROSSHALL FARM, la bella fattoria di cui siamo ospiti, persa nel cuore verde dei BORDERS (la zona confinante con l’Inghilterra) e ci lanciamo in un dedalo di stradine di campagna – parecchio strette e alquanto dissestate – che ci obbligano a zigzagare come ubriachi, per tentare di evitare buche che sembrano crateri.

Ahimè, qui non siamo nelle Highlands!!! Ma dove sono tutte quelle provvidenziali, rassicuranti piazzole a lato strada, che ti salvano la vita quando incroci un’altra macchina??? Neanche l’ombra di un “PASSING PLACE”!!! Per fortuna la zona è assai tranquilla e grossi problemi non ce ne sono…
Macinare chilometri (in questo caso neanche troppi) non pesa affatto, tanto è bello e rilassante il paesaggio tutt’intorno… Un’accenno di saliscendi fra colline dolcissime, ampie vallate, siepi rigogliose, campi coltivati a formare chiazze immense di un verde brillante, interrotto da improvvise esplosioni di giallo.
Ovunque, distese di colza e ginestre selvatiche, che riempiono l’aria del loro profumo dolce e mieloso che fa quasi pensare al cocco!

I dolci paesaggi dei BORDERS

I dolci paesaggi dei BORDERS

 

Il giallo della colza è ovunque!

Il giallo della colza è ovunque!

 

ST ABB’S HEAD è un piccolo promontorio appartato, perfetto per trascorrere una giornata all’aria aperta, di quelle memorabili che ti caricano a mille, approfittando dei numerosi sentieri segnalati all’interno della RISERVA NATURALE.
Manco a dirlo: vorrei percorrerli tutti ed esplorarne ogni singolo centimetro quadrato, ma come sempre il tempo è quello che è, e occorre fare delle scelte!

Lasciata l’auto nell’apposito parcheggio a pagamento (£2) presso la NORTHFIELD FARM, dove si trovano anche un caffè e un “NATURE CENTRE” che organizza escursioni guidate, proseguiamo a piedi verso il villaggio, deviando poi sulla sinistra per seguire il viottolo sterrato che porta in cima alle scogliere.

Il caffè nei pressi del parcheggio

“THE OLD SMIDDY CAFE'” nei pressi del parcheggio

 

Dal parcheggio, verso il villaggio e la Riserva Naturale

Dal parcheggio, verso il villaggio e la Riserva Naturale

 

Il punto in cui inizia il sentiero verso le scogliere della ST ABB'S HEAD Nature Reserve

Il punto in cui inizia il sentiero verso le scogliere

 

Per il piccolissimo prezzo di un breve tratto in leggera salita – passando attraverso paesaggi rurali che sfoggiano colori sgargianti – guadagniamo il VIEWPOINT più famoso dell’intera regione…quello classico che ci regala un colpo d’occhio esagerato sul villaggio di ST ABB’S, annidato fra lingue di roccia bitorzolute protese nel Mare del Nord. 

Il "PATH" verso le scogliere

Il “PATH” verso la Riserva Naturale

 

Colza in fiore

Colza in fiore lungo il sentiero che porta al promontorio

 

Il bellissimo panorama verso il villaggio di ST ABB’S

 

Uno sguardo ravvicinato...

Uno sguardo più ravvicinato…

 

...e poi da lontano!

…e poi da lontano!

 

I più pigri potrebbero ritenersi soddisfatti già così e fermare qui i loro passi; vale invece davvero la pena camminare ancora e procedere lungo il “LIGHTHOUSE LOOP” (percorso ad anello del faro), per addentrarsi in uno scenario che si fa via via più aspro e selvaggio e sempre più spettacolare.
Seguendo il sentiero continuiamo a salire lungo il margine vertiginoso delle falesie e poi scendiamo giù, nel cuore scuro di piccole baie rocciose che risuonano delle voci stridule di intere colonie di uccelli marini ; e poi saliamo di nuovo piegando un po’ all’interno – fra pascoli racchiusi in avvallamenti verdissimi – che ci tolgono la costa dalla vista.

Pecore, agnellini e migliaia di leprotti come unica compagnia… E si intravede persino un fazzoletto azzurro circondato da scarpate tappezzate di ginestre: si tratta del piccolo lago chiamato MIRE LOCH.

Uno scorcio del MIRE LOCH

Uno scorcio del MIRE LOCH

 

Il tratto di sentiero che piega verso l'interno

Il tratto di sentiero che piega verso l’interno

 

Un saliscendi a tratti impegnativo!

Un saliscendi a tratti impegnativo!

 

Incontri lungo il cammino

Incontri lungo il cammino

 

 

E così, in un saliscendi continuo, dolcemente accompagnati da un sereno senso di isolamento, ci muoviamo in uno spazio che pare come sospeso. Quelle rocce scoscese, quei faraglioni aguzzi tappezzati di volatili vocianti, il blu profondo del mare e quel piccolo faro bianco a picco sulla scogliera…

E chi lo direbbe mai che la trafficata A1 si trova a sole quattro miglia da qui?

Le formazioni rocciose di ST ABB'S HEAD

Le formazioni rocciose di ST ABB’S HEAD

 

Colonie di urie lungo la costa rocciosa

 

Piccole baie rocciose lungo il cammino

Piccole baie rocciose lungo il cammino

 

Arrivo al faro

Arrivo al faro

 

Un'altra veduta del faro

Un’altra veduta del faro con il “corno delle nebbie”

 

Per chi volesse vivere il privilegio di svegliarsi ogni mattina con il Mare del Nord che gli bussa alla porta e con le voci chiassose di migliaia di urie, fulmari, gabbiani tridattili e gazze marine a fargli da sveglia, alcuni luminosissimi cottages sono stati ricavati all’interno di quella che era in origine l’abitazione del guardiano del faro.

I deliziosi “LIGHTHOUSE KEEPERS COTTAGES” – recentemente rinnovati e provvisti di tutto – vengono affittati per periodi di almeno 7 notti (probabilmente anche meno in bassa stagione) e chi volesse approfittarne, puo’ naturalmente raggiungere il faro in auto seguendo la strada che prosegue sulla sinistra oltre il parcheggio della NORTHFIELD FARM.

Ingresso ai "LIGHTHOSE KEEPERS COTTAGES"

Ingresso ai “LIGHTHOSE KEEPERS COTTAGES”

 

Dal faro, i possibili percorsi nel mezzo di una natura meravigliosa si sprecano! Ah, quanto vorrei proseguire e completare l’anello; oppure agganciarmi a uno degli altri invitanti sentieri! Ma il nostro tempo purtroppo è finito…giusto quello di tornare sui nostri passi per immergerci brevemente nella splendida quiete del villaggio di ST ABB’S.

Il villaggio di ST ABB'S

Il villaggio di ST ABB’S

 

Un primo scorcio del porticciolo

Un primo scorcio del porticciolo

 

È ormai l’ora del crepuscolo e il porticciolo deserto risplende di una luce calda e quasi ipnotica. Respiriamo forte tutta quella pace, tutto quel silenzio, tutta la semplice meraviglia di un luogo fatto di niente…
Niente negozi, nessun ristorante, nessun hotel o bed&breakfast. Giusto forse qualche “self-catering”.
E poi solo barche, reti, nasse, piccole case che sanno di mare. E il porticciolo originale, costruito nel 1832 e rimasto intatto al suo posto, sebbene oggi affiancato da due bacini più ampi e recenti.
Unico punto di ristoro: un pittoresco caffè –  l’EBBCARRS  (dal nome di un isolotto lì di fronte) – famoso perché nei suoi panini il granchio praticamente ci entra da solo tanto è fresco! Ma come??? Ci piange il cuoreee… a quell’ora è rigorosamente chiuso!!! È tardi da queste parti! La giornata è finita ormai da un po’ e qui la mattina si comincia presto!

Qui di turisti ne arrivano pochi e ad aggirarsi affamati e con gli occhi pieni di meraviglia siamo rimasti solamente noi…

Il vecchio porticciolo costruito nel 1832

Il vecchio porticciolo costruito nel 1832

 

Un'altra veduta del porto

Un’altra veduta del porto

 

Il delizioso “EBBCARRS CAFE'”

 

Un particolare...

Un particolare…

 

ARRIVARE DA EDIMBURGO:
ST ABB’S è una splendida meta per chi, trovandosi nella capitale, volesse concedersi un’escursione in giornata “a tutta natura” senza dover affrontare distanze sfiancanti. Il villaggio e la Riserva Naturale distano infatti da Edimburgo poco meno di 80 km, ovvero un’oretta d’auto lungo la comoda A1.

Arrivarci con i mezzi pubblici è invece un po’ più complicato, perché il capolinea dei bus che collegano le località costiere a sud della capitale non è Edimburgo, bensì la cittadina inglese di BERWICK-UPON-TWEED (appena oltre il confine con la Scozia). Da Edimburgo si puo’ prendere il bus 253 fino a COLDINGHAM e poi il 235 per ST ABB’S – per avere informazioni dettagliate, potete consultare il sito di PERRYMAN BUSES)

La nostra magnifica base d’appoggio nella pittoresca regione dei BORDERS:
CROSSHALL FARM un’elegante casa di campagna con servizio a 5 stelle e annessa fattoria. Ottimo rapporto qualità/prezzo. Davvero consigliatissima!

La nostra confortevolissima stanza alla CROSSHALL FARM

La nostra confortevolissima stanza alla CROSSHALL FARM

 

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply
    Beatrice
    30 maggio 2016 at 13:11

    Ecco, questi sono i paesaggi che piacciono a me 🙂

    • Reply
      ilaria
      30 maggio 2016 at 13:38

      Ciao Beatrice! Come sai, io vado pazza per l’Ovest selvaggio, ma devo proprio ammettere che anche l’est della Scozia riserva angoli di pura poesia…
      Grazie per il passaggio!

  • Reply
    luisa
    4 giugno 2016 at 15:44

    Ma che meraviglia!!!!
    Anch’io come voi,porto la Scozia nel cuore!!!!!!

    • Reply
      ilaria
      5 giugno 2016 at 4:01

      Grazie Luisa! È così bello condividere una grande passione!!! Questo è un luogo bellissimo e pieno di magia che potrai facilmente visitare anche tu…al tuo prossimo viaggio in Scozia! Nel frattempo ti aspetto sempre qui, a trovarmi sul mio blog!!! Grazie ancora per il passaggio e alla prossima!

  • Reply
    Mira
    20 giugno 2016 at 11:06

    Quando torni in Scozia? Posso venire anche io???????

    • Reply
      ilaria
      20 giugno 2016 at 21:43

      Ad agosto…per una settimana soltanto purtroppo! Poi pero’ da Edimburgo volero’ direttamente a Reykjavik. Speriamo che l’Islanda non mi faccia rimpiangere la mia adorata Scozia!!!!

    Leave a Reply

    Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.